POSIZIONE: PAF > Campi Elettromagnetici
 
 
logo regione toscana
Regione Toscana
Diritti Valori Innovazione Sostenibilità
collegamento sito usl 7 siena Servizio Sanitario
della
Toscana

Campi Elettromagnetici [0 Hz - 300 GHz]
Guida all'uso della banca dati

In collaborazione con

 
La Banca Dati CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM) è sviluppata con i seguenti obiettivi:
  1. garantire un’agevole reperibilità dei valori di esposizione alle radiazioni elettromagnetiche dai macchinari/impiant/sorgenti comunemente utilizzati in ambito industriale, sanitario e di ricerca al fine di favorire il più possibile l’attuazione di appropriati  interventi di riduzione e prevenzione del rischio, già in sede di valutazione del rischio, senza dover necessariamente ricorrere a misure onerose e talvolta complesse.
  2. consentire ai datori di lavoro ed ai loro consulenti di individuare i macchinari/sorgenti che riducano al minimo il rischio di esposizione ai campi elettromagnetici, in fase di acquisto ed aggiornamento del parco  macchine.

DATI CONTENUTI NELLA BANCA DATI ESPOSIZIONE

Il PAF è predisposto per  riportare con esattezza le caratteristiche sia del macchinario valutato che delle sorgenti in esso installate all’atto della valutazione.

Per ciascun macchinario o apparato presente nel PAF vengono fornite due tipologie di dati:

  • Dati anagrafici del macchinario, utili ai fini della corretta identificazione del macchinario/apparato.
  • Dati specifici delle sorgenti/applicatori a cui fanno riferimento le misurazioni riportate nel portale. Va in proposito rilevato che può accadere che una stessa apparecchiatura/macchinario possa avere installate al suo interno, nelle condizioni operative di impiego, differenti applicatori. In tal caso andranno ricercati i dati relativi all'applicatore di interesse.

La banca dati contiene anche documenti PDF associati al macchinario specifico, qualora siano disponibili dati analitici di interesse sia sulle valutazioni in campo che su bonifiche efficaci realizzate sullo specifico macchinario ai fini della riduzione dell'esposizione dei lavoratori.

La banca dati riporta altresì tipologie  di apparechiature comunemente reperibili in luoghi di lavoro che non richiedono specifichi approfondimenti valutativi (es. macchine da ufficio, computer, wi-fi etc.) oppure che  richiedono misure di tutela specifiche generalizzabili per ciascuna tipologia (es. uso cellulari, carrelli elevatori, elettroutensili etc.), in accordo con quanto espresso dall Guida non Vincolante di Buone Prassi per l'Attuazione della Direttiva 2013/35/UE relativa ai Campi Elettromagnetici

Le misure di tutela da adottare per ciascun macchinario indicste  in banca dati sono desunte o dalle valutazioni effettuate in campo  e/o  dalle istruzioni fornite dal fabbricante sul manuale d'istruzioni ed uso, qualora da questi indicate, e/o dalla Guida non Vincolante di Buone Prassi per l'Attuazione della Direttiva 2013/35/UE relativa ai Campi Elettromagnetici

 

Misure sul Campo

Esempio scheda risultati misure per un apparato di magnetoterapia


In Figura sono mostrati i risultati delle misurazioni eseguite su un apparato per magnetoterapia. Nelle prime colonne viene descritta la posizione del punto di misura. Segue la frequenza dominante, da un punto di vista energetico, del segnale in uscita. Essendo le emissioni dell'apparato oggetto di misurazione  in genere caratterizzate da uno spettro che comprende molte frequenze, i risultati delle grandezze misurate (colonna 7) sono dati in termini di percentuali (colonna 8) rispetto ai liveli di azione prescritti per i lavoratori ovvero rispetto ai livelli di riferimento per la popolazione generale. Nell’ultima colonna di solito sono indicate le condizioni di funzionamento del macchinario durante la misura. 

In generale le emissioni di CEM rilevate  devono essere espresse utilizzando indici percentuali in accordo con quanto prescritto dalla  Direttiva Europea 2013/35 recepita con D.lgvo n.159 1 agosto 2016  che afferma che il metodo più indicato per valutare gli effetti di stimolazione  è quello del “picco ponderato”, mentre per gli effetti termici si utilizza la somma dei contributi quadratici.

Essendo i limiti di esposizione dipendenti dalla frequenza, nel caso di un segnale con componenti spettrali a più frequenze, non ci si può riferire ad un unico valore del limite. 

Osservando le distanze di misura (colonna 2 e 3 in figura) si nota che esse sono state eseguite sia in posizioni molto ravvicinate che più lontane. In generale la scelta dei punti di misura è vincolata alle postazioni abitualmente occupate dai lavoratori  ed alla  stima della distanza di rispetto dei livelli di riferimento per la popolazione generale: in questo caso  i punti di misura possono trovarsi anche a qualche metro di distanza dalla sorgente.

Nella parte finale di ogni scheda di valutazione sono indicate le distanze di rispetto dei limiti sia per i lavoratori che per la popolazione. Allo stato attuale i limiti per i lavoratori presi in considerazione sono i livelli di azione inferiori  per i lavoratori ai sensi della Direttiva Europea 2013/35/CE.

Invece la presenza in tutte le schede di misura della distanza di rispetto dei limiti per la popolazione, merita qualche ulteriore precisazione.

E’ importante al riguardo tenere sempre presente nella gestione del rischio CEM che per “lavoratore” non si deve intendere una qualsiasi persona al lavoro, ma piuttosto un lavoratore professionalmente esposto, cioè addetto ad una mansione che può comportare necessariamente l’esposizione ai campi elettromagnetici superiori ai livelli di riferimento per la popolazione generale. Per tutti gli altri lavoratori (considerati quindi non professionalmente esposti) dovranno essere applicati i valori limite valevoli per la popolazione generale, che garantiscono l’assenza di effetti su qualsiasi soggetto esposto, anche con controindicazioni specifiche. I valori limite specificati per la popolazione generale assumono dunque rilevanza anche nei luoghi di lavoro, in relazione a tutti gli addetti non professionalmente esposti. Per questo motivo la zonizzazione di una sorgente di campo elettromagnetico deve essere eseguita considerando sia i livelli di riferimento per la popolazione che i valori di azione per i lavoratori.

Esempio di zonizzazione finale: nell'esempio la distanza di rispetto per i lavoratori non professionalmente esposti è di 40 cm.

  ASSENTE Zona 2 è la zona nella quale i livelli di esposizione superano i valori di azione inferiori stabiliti dal DLgs 81/2008 e smi
  0.4 m Zona 1 è la zona all'interno della quale i livelli di esposizione superano i livelli di riferimento per la popolazione indicati dall'ICNIRP nelle Linee Guida del 1998 ma sono inferiori o uguali ai valori di azione inferiori  stabiliti per i lavoratori dal DLgs 81/2008  e smi 

 

MODALITA’ DI CORRETTO UTILIZZO DEI DATI CONTENUTI NELLA BANCA DATI

I dati di esposizione  riportati  nella Banca Dati possono essere usati ai fini della valutazione del rischio solo per apparati integri, e quando  le specifiche tecniche dell’insieme macchinario - sorgente presente sul posto di lavoro e le modalità di utilizzo del macchinario coincidono con  quelle riportate nel PAF – Banca dati esposizione e/o con quanto specificato dal costruttore nel manuale di istruzioni ed uso.

LOADING TIME: 0.004 s.