POSIZIONE: PAF > Ionizzanti
 
 
logo regione toscana
Regione Toscana
Diritti Valori Innovazione Sostenibilità
collegamento sito usl 7 siena Servizio Sanitario
della
Toscana

PREVENZIONE E PROTEZIONE

 

Le misure di prevenzione e protezione da attuare ai fini della riduzione e del controllo del rischio da esposizione a radiazioni ionizzanti dovuto al Radon e ai radioisotopi di origine naturale costituiscono parte integrante del rapporto di valutazione dei rischi present in azienda, come previsto dal D.lgvo 81/08.

RADON NEI LUOGHI DI LAVORO

NORM

 

 

RADON NEI LUOGHI DI LAVORO: MISURE DI TUTELA

 

Esistono  diversi metodi per ridurre la concentrazione del gas Radon negli ambienti confinati, tra cui:

 

 I sistemi principali per la riduzione del Radon nei nuovi edifici sono:

  1. scelta dei materiali costruttivi a bassa emissione Radon.

  2. sistema di depressurizzazione passiva sub-soletta controterra (Fig.1) o sub-membrana (Fig. 2);

  3. sistema di depressurizzazione attiva (Fig. 3) sub-soletta controterra o sub-membrana.

Le azioni di risanamento, analogamente alle azioni per la protezione preventiva dei nuovi edifici, devono essere concepite in maniera da eliminare o almeno ridurre in modo significativo la risalita di radon nell'ambiente confinato dovuta alla depressione dei locali  rispetto al suolo e/o all’infiltrazione del Radon attraverso pareti o pavimento

Gli interventi si possono generalmente suddividere in:

  1. Eliminazione e/o controllo dei  materiali costruttivi che possono comportare un incremento significativo della concentrazione indoor dei gas Radon e Toron (indipendentemente dalle caratteristiche geologiche dell'area di insediamento dell'edificio)

  2. eliminazione dei fattori che generano depressione nei locali ( per le aree regionali a rischio Radon) ;

 

 

NORM: MISURE DI TUTELA

IN COSTRUZIONE

LOADING TIME: 0.003 s.