logo regione toscana
Regione Toscana
Diritti Valori Innovazione Sostenibilità
collegamento sito usl 7 siena Servizio Sanitario
della
Toscana

Scheda Bonifica Acustica

Impianti estrattivi

Riferimento origine dati

Metodologie e interventi tecnici per la riduzione del rumore negli ambienti di lavoro. INAIL Edizione 2013
Comparto Estrazione petrolio greggio e gas naturali
Altro riferimento 2000
Anno di realizzazione 2000
Tipologia intervento di bonifica Cappottature acustiche (Coperture parziali)
Specifiche dell’intervento Cabina insonorizzante
Titolo tipo di intervento Cabina di riposo acustico in zona antideflagrante.
Descrizione sorgente sonora Impianti estrattivi

Descrizione sorgente sonora

Impianti estrattivi

Descrizione problematica acustica

Descrizione della bonifica acustica

La cabina realizzata con gli accorgimenti necessari per l’installazione all’esterno si compone di una struttura portante monoblocco, realizzata impiegando lamiera di acciaio al carbonio zincato opportunamente pressopiegata, e di pannelli di tamponatura ad essa saldati: la cabina è pertanto sollevabile e facilmente trasportabile in un sol pezzo. Il pavimento è costituito da una lamiera di acciaio striata interna e da una lamiera esterna di acciaio zincato con interposizione di materiale fonoassorbente ed appoggia su quattro antivibranti. I pannelli ciechi di tamponatura sono realizzati con lamiera di acciaio al carbonio zincata, scatolata ai bordi per il contenimento del materiale fonoassorbente e per il sostegno delle lamiere stirate di protezione. Verso l’interno della scatolatura della lamiera piena dei pannelli si troverà il materiale fonoassorbente che possiede altresì caratteristiche fonoimpedenti e fonosmorzanti. Il materiale fonoassorbente impiegato offre le migliori caratteristiche di inalterabilità imputre-scibilità e incombustibilità (classe zero di reazione al fuoco), è lana di roccia in pannelli resinati aventi opportuna densità e tale da offrire le migliori garanzie di resistenza all’insaccamento. La protezione meccanica del materiale fonoassorbente è assicurata da lamiera stirata, fissata al risbordo interno della lamiera piena esterna mediante rivetti metallici. Per offrire le migliori garanzie di tenuta al rilascio di particelle di materiale fonoassorbente nell’ambiente è prevista la sua protezione con velo di vetro, risbordato sui lati, costituito da fibre di vetro stese, pressate in più strati e incollate tra loro da adatta resina. La protezione dei materiali metallici, ad esclusione delle lamiere forate interne che sono zincate e preverniciate, è ottenuta con un ciclo epossidico adatto per lamiere zincate e con una mano a finire con smalto poliuretanico. La visibilità esterna è garantita da ampie vetrate realizzate con vetri di sicurezza, e l’acc
Foto 1
foto 1
Attenuazione
Atetnuazione

RISULTATI ACUSTICI

Attenuazione totale >25 dBA
Fattori di criticità: Nella progettazione acustica degli impianti è prevalente l'attenzione verso il rispetto dei livelli sonori verso l'ambiente esterno. Può quindi risultare che i livelli sonori in prossimità degli impianti siano ancora particolarmente elevati. Il raggiungimento dei livelli sonori di esposizione per gli operatori, che per le loro mansioni non possono essere allontanati, può in questi casi essere raggiunto con la limitazione dei tempi di esposizione offrendo nel contempo ambienti confortevoli non solo per i livelli sonori ma anche per le condizioni ambientali più in generale. Si deve obbligatoriamente tenere in debito conto le caratteristiche tipiche dei luoghi di installazione che possono così essere riassunte: • Livelli sonori elevati • Esistenza di vibrazioni • Possibile presenza di gas esplosivi • Esposizione al sole ed alle intemperie • Ambienti corrosivi
Intervento realizzato da: STOPSON ITALIANA
Intervento di tipo: standard
LOADING TIME: 0.003 s.